Vita di un bandito

demaria_3d

Vita di un bandito

13,90

Categoria:

Descrizione prodotto

Milano, 27 febbraio 1958, ore 9.15, in via Osoppo sette uomini armati di mitra col volto coperto da un passamontagna e vestiti in tuta blu da operaio, assaltano il furgone portavalori blindato della Banca Popolare e trafugano, senza sparare un solo colpo, un sacco di milioni di lire. La rapina del secolo. Lo scorso. In quegli istanti frenetici, da una macelleria un’anziana signora, sconvolta alla vista delle armi, urla ai banditi: “Andate a lavorare!”. È proprio Luciano De Maria il più pronto a replicare: “Signora! Cosa crede che si stia facendo, stiamo lavorando!”. A 60 anni dalla rapina di via Osoppo torna un classico di storia della mala milanese, il memoir dell’avventurosa vita di Luciano De Maria, uno dei componenti più carismatici di quella banda di rapinatori che arrivò ad un passo dal sogno del colpo perfetto. Un lungo viaggio in cinquant’anni di storia criminale italiana che tra riformatori, rapine, locali notturni e carceri di massima sicurezza, si conclude con la misteriosa amicizia con un banchiere svizzero incriminato per la morte violenta di Calvi. In appendice gli articoli di note firme del giornalismo italiano, come Franco Di Bella e Indro Montanelli, che raccontano il contesto in cui avvenne la rapina del secolo.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Vita di un bandito”