Lo statuto dei gabbiani

HORST_3d
Schermata 2016-03-14 alle 10.49.40Schermata 2016-03-14 alle 10.49.49

Lo statuto dei gabbiani

13,90

COD: 9788890727313 Categoria:

Descrizione prodotto

La vita avventurosa di Horst Fantazzini sembra scritta per diventare leggenda. Nato in Germania nel 1939, ha fatto la sua prima rapina appena diciottenne nei dintorni di Bologna, armato di una pistola giocattolo. Un gesto che gli è valso presto l’etichetta di “bandito gentile” che, insieme ai soprannomi “primula rossa” e “rapinatore in bicicletta”, accompagneranno una vita in cui Horst ha svaligiato le banche di mezza Europa senza mai smettere, in qualità di militante anarchico, di lottare per la giustizia e l’uguaglianza sociale. Protagonista nel 1973 di un clamoroso tentativo di evasione dal carcere di Fossano, ha dedicato a quell’esperienza un famoso testo letterario, Ormai è fatta! (diventato un film con Stefano Accorsi), che testimonia anche della grande forza narrativa trasfusa da Fantazzini nei suoi scritti, raccolti per la prima volta in forma integrale in questo volume: saggi, lettere, poesie e racconti. Un omaggio a Horst Fantazzini a più di dieci anni della sua morte, avvenuta a Bologna nel Natale del 2001, a pochi giorni dall’arresto dopo un’ultima tentata rapina in bicicletta.

Disponibile anche in formato e-book €5.99

Horst Fantazzini (Altenkessel, Germania, 1939 – Bologna, 2001) figlio del partigiano anarchico Alfonso “Libero” Fantazzini, durante la sua vita travagliata è stato protagonista di una serie di rapine compiute in varie nazioni europee. Arrestato più volte in Francia e in Italia, nella seconda metà degli anni Settanta si è avvicinato, in carcere, ai detenuti politici di area comunista e anarchica, tentando sempre e comunque di evadere dai vari carceri di massima sicurezza in cui è stato detenuto. Nel 1976 per Bertani ha scritto Ormai è fatta!, racconto in presa diretta della sua tentata fuga dal carcere di Fossano.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lo statuto dei gabbiani”